//Biorivitalizzazione
Biorivitalizzazione 2017-10-14T13:30:49+00:00

Biorivitalizzazione

biorivitalizzazione

Biorivitalizzazione

Viso e collo non mentono. Prede dei temibili “segni del tempo”, sono le zone del corpo maggiormente soggette ai processi di invecchiamento. I tessuti cedono, i volumi si svuotano, la pelle si macchia. Nessuna resa incondizionata, però: con le moderne tecniche di medicina estetica è possibile limitare gli effetti degli anni che passano grazie ai trattamenti “anti-age” di rinnovamento cellulare. Parliamo di Biorivitalizzazione, una procedura naturale che, a differenza delle pratiche chirurgiche o dell’acido ialuronico, non punta ad un effetto riempitivo, ma a procedure di reidratazione e ristrutturazione degli strati della cute (tra profondità e superficie), con l’introduzione nel derma di una serie di oligo elementi fondamentali (biocompatibili e riassorbibili). L’effetto è in una sorta di “risveglio” della parte più viva della cute ed un sostegno immediato ad uno status fisiologico più giovane.

 

Difetti estetici e soluzioni

Tono, compattezza, idratazione. La pelle che invecchia perde le proprie caratteristiche di bellezza. E spesso, alcuni fattori esterni, associati al naturale decadimento, ne accelerano il declino. Basti pensare al volto esposto di continuo ad agenti atmosferici, smog e sbalzi di temperatura. Il derma del collo, invece, non avendo sostegno osseo o muscolare, deve fare i conti con la propria sottigliezza. La sua struttura va prematuramente incontro alla presenza pieghe e diventa rilassata e cadente. Con la Biorivitalizzazione, è possibile intervenire sui difetti attinenti:

  • rughe di espressione o di vecchiaia
  • lassità cutanea
  • perdita dei volumi
  • decadimento da dimagrimento
  • perdita di colorito naturale
  • perdita di definizione dei tratti e conseguente disarmonia

Questa procedura “soft” di medicina estetica, che inietta un complesso biorivitalizzante composto da acidi nucleici, aminoacidi, minerali, vitamine, cofattori, coenzimi e acido ialuronico, consente di raggiungere risultati importanti in termini di:

  • compattezza della pelle
  • elasticità
  • luminosità
  • pienezza
  • riduzione di rughe sottili

La biorivitalizzazione (che va effettuata periodicamente) aumenta l’idratazione e restituisce tono; stimola l’attività metabolica riattivando la produzione di collagene (funzione ristrutturante) e protegge dalla formazione dei radicali liberi (funzione anti ossidante). Dopo alcune sedute (il numero può variare a seconda delle condizioni iniziale con cui la pelle si presenta), i tessuti superano i danni causati dallo stress cui sono sottoposte le cellule. L’aspetto della pelle migliora rapidamente in ottica di texture, turgore ed elasticità.

Preparazione al trattamento

Prima dell’intervento, il paziente si sottopone a una visita specialistica per confrontarsi con il medico circa le proprie attese. Il chirurgo plastico indaga le condizioni generali della pelle e degli inestetismi da trattare, valutando il grado di invecchiamento, le aree più problematiche, il livello di elasticità e idratazione e la qualità/quantità del cedimento strutturale del collo. Poi procede a individuare la tecnica più idonea per la correzione del difetto, i trattamenti alternativi e/o complementari e riepiloga sul ciclo di trattamenti post biorivitalizzanti e sulla loro durata.

Le procedure di Biorivitalizzazione possono essere associate ad altri trattamenti, tra cui Peeling, Lifting, Blefaroplastica, Botox e Laser.

 

Il trattamento di medicina estetica

La procedura di Biorivitalizzazione dura circa venti minuti e si esegue in ambulatorio su pazienti che abbiano, generalmente, almeno 40 anni. Ma è indicato anche per le pelli più giovani in funzione di rallentamento preventivo del processo di invecchiamento (soprattutto per le fumatrici/i fumatori). La formulazione del complesso iniettante varia quindi a seconda della tipologia di paziente e le sole controindicazioni attengono la gravidanza e l’allattamento o la presenza di infezioni cutanee. Il trattamento, che non prevede anestesia o attività pre-operatorie, si realizza attraverso micro infiltrazioni del farmaco mediante una siringa sottile e indolore. Il liquido si distribuisce uniformemente senza dar luogo a reazioni di tipo allergico e le tecniche iniettive con cui effettuare le punture possono variare.

Tempi di guarigione 

L’intervento non provoca ecchimosi (al massimo genera un vago rossore nelle zone trattate che tende a riassorbirsi in breve tempo, anche un paio di giorni) né richiede fasciature e medicazioni: al termine dell’operazione sarà possibile riprendere le normali attività quotidiane e addirittura truccarsi. Per il mantenimento si consiglia un ciclo di 3 sedute a cadenza settimanale, da ripetere in seguito mensilmente per perfezionare i risultati.

NEWS SULL’ARGOMENTO
  • Rinofiller

Rinoplastica non chirurgica

I pazienti che non sono pronti a sottoporsi ad una rinoplastica possono sottoporsi alla […]

Ustioni: rimedi chirurgici estetici e funzionali

Per poter intervenire sui danni alla pelle determinati da un’ustione è prima indispensabile che il […]

INFO UTILI

Durata

0min.
da
0min.
a

Complessità

  • Facile/Medio

Anestesia

  • Locale con sedazione

Medicazione

  • 3 giorni

Guarigione

0giorni
da
0giorni
a

Biorivitalizzazione Prima e Dopo