Tumori della pelle 2017-10-14T13:30:46+00:00

Tumori della pelle

La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo e, non a caso, le neoplasie cutanee sono tra i tumori più diffusi, anche se è necessario distinguerli in diverse tipologie. In questa sede distinguiamo il melanoma (tumore maligno pigmentato che necessita di terapia di tipo oncologico), dai tumori non melanocitici (così detti chiari) come il basalioma e lo spinalioma, assai più frequenti dei melanomi, ma meno pericolosi, perché formano raramente metastasi. I primi riguardano uomini e donne; i secondi soprattutto gli uomini. Insorgono, generalmente, in età avanzata (60 anni per i basaliomi e 70 per gli spinaliomi) o in chi si sia esposto al sole senza protezione (colpendo soprattutto naso, fronte, labbra, orecchie, dorso della mano o testa calva) specialmente se di carnagione con fototipo chiaro e quindi più sensibile ai raggi ultravioletti.

E’ soprattutto sul viso che si manifestano questi carcinomi. Le alterazioni della pelle devono essere esaminate al più presto, perché un intervento tempestivo aumenta le possibilità di guarigione. Per le indagini si procede mediante la dermatoscopia che è una tecnica di magnificazione delle lesioni che permette una maggior probabilità di diagnoasi precisa
Successivamente per avere una certezza completa, si procede prelevando un campione di tessuto in anestesia locale per analizzarlo al microscopio con l’esame istologico.
A questo esami per alcuni casi è possibile approfondire con una ecografia dei linfonodi adiacenti, una TAC o una risonanza magnetica.

IL TRATTAMENTO

La chirurgia dermatologica ricostruttiva , che si esegue in sala operatoria in anestesia locale, permette di curare queste patologie maligne della pelle con tecniche di chirurgia plastica ricostruttiva che permettono, eradicando il tumore, di ridurre al minimo gli esiti cicatriziali per ottenere un risultato esteticamente soddisfacente. Spesso vengono associate tecniche di riparazione delle perdite di sostanza dopo la rimozione della lesione come i lembi cutanei o gli inensti cutanei.
In seguito all’intervento, viene sempre eseguito un esame istologico sui tessuti asportati.

Altre procedure terapeutiche per la cura di alcune lesioni basaliomi e spinaliomi sono:
– curettage (raschiamento superficiale del tumore),
– laser,
– farmacoterapia (applicazione di crema che genera infiammazione e distrugge le cellule)
– radioterapia (distruzione delle cellule mediante irradiazione),
– crioterapia (distruzione mediante congelamento),
– elettrochirurgia (distruzione mediante impulsi elettrici),

TEMPI DI GUARIGIONE

La guarigione interviene in circa 7-14 giorni. Dell’intervento chirurgico resta, in genere, una cicatrice che può essere minimizzata con un trattamento di terapia laser e mediante la applicazione di creme a base di Silicone . Nel post operatorio sarà cura del paziente sottoporsi regolarmente a controlli periodici; evitare, in primis, l’eccessiva esposizione ai raggi del sole o, comunque, utilizzare prodotti con alto fattore di protezione. Queste semplici precauzioni sono necessarie nella prevenzione del tumore e nel mantenimento dei risultati di un trattamento.

NEWS SULL’ARGOMENTO

Mastoplastica Secondaria: intervento in forte crescita

Uno degli interventi di chirurgia estetica più richiesto negli ultimi tempi riguarda la sostituzione delle protesi mammarie, attraverso una procedura definita Mastoplastica Secondaria. L’intervento può [...]

  • mammella tuberosa

Mammella tuberosa … una strana forma!

Alcune ragazze presentano, sin dallo sviluppo, un seno con una conformazione a base d’impianto stretta, che si allarga a terminare in un’areola molto grande [...]