///Lifting viso e collo
Lifting viso e collo 2017-10-14T13:30:49+00:00

Lifting viso e collo

lifting viso e collo

Lifting viso e collo

Il lifting del visolifting facciale è li intervento che permette di correggere segni di cedimento dei tessuti del viso e del collo mediante il loro riposizionamento nella maniera più naturale al fine di recuperare il tempo vissuto.

Il volto presenta segni dovuti sia allo svuotamento dei volumi per l’ atrofia dell’ età che al cedimento delle fasce con effetti maggiori evidenti come solchi, rughe, macchie, pieghe ridondanti e svuotamenti.

Il collo risente maggiormente dei segni del tempo manifestando il cedimento già in età relativamente giovane con pelle flaccida, grinzosa e cadente, e con il procedere del tempo, l’impressione di caducità e senescenza del collo va sempre peggiorando.

Cause

Inestetismi del viso

A livello del viso il passare del tempo provoca atrofia adiposa e il riassorbimento delle strutture ossee con conseguente svuotamento dei tessuti di supporto responsabili di un aspetto cadente.

I muscoli mimici del viso che descrivono il nostro carattere con la loro attività continuativa causano rughe e solchi.

Inestetismi del collo

Per quanto riguarda il collo dobbiamo tenere presente che la pelle di questa sede è estremamente sottile e ha una micro circolazione piuttosto lenta. Inoltre il collo, specialmente nella donna, presenta poche ghiandole sebacee e minor tessuto adiposo rispetto al viso, col risultato che la pelle, più secca e asciutta, tende ad invecchiare prima. Un’altra ragione riguarda la struttura muscolare del collo che non è ancorata ad alcuna struttura ossea.

Inoltre, al contrario del viso che è costantemente oggetto di cure, le donne tendono a trascurare la pelle del collo e del décolleté che invece, come abbiamo spiegato, avrebbe maggiore necessità di idratazione e dell’uso di creme e unguenti per tonificarla e renderla più elastica.

I fattori ambientali come l’ esposizione solare su una pelle di carnagione chiara e secca che non ha difese causa la rottura delle fibre di elastina e collagene determinando grinze, macchie e perdita dell’ elasticità.

Difetti estetici

Dunque è l’invecchiamento precoce il grande problema del collo. Con gli anni pelle e muscolatura perdono tonicità e il collo diventa cadente e rilassato, arrivando a collassare nei casi più gravi. Il derma può andare incontro prematuramente a macchie, rughe e altri segni della vecchiaia.

Specialmente negli uomini, il muscolo del collo (platisma) col tempo tende e a cedere e contestualmente il tessuto adiposo sotto il mento tende ad aumentare, creando quella spiacevole lassità cutanea tipica del doppio mento.

Nelle donne il pericolo principale è caratterizzato dalla rugosità del collo, determinata dalla perdita della definizione dell’angolo del collo, associata alla diminuzione di definizione del bordo mandibolare.

Soluzioni chirurgiche

Per rassodare la pelle caduca e rilassata del collo dell’uomo e della donna, per rimuovere i cosiddetti “cordoni” verticali o per curare la pelle rugosa o con pieghe profonde, è possibile ricorrere alla chirurgia estetica.

Cedimento delle guance

Viene corretto mediante il lifting facciale e il riposizionamento dello smas davanti all’ orechio e la basetta.

Doppio mento

Si esegue una liposcultura diretta con mini cannule che permettono la rimozione e la formazione di nuove aderenze sulla pelle cedevole.

Lassità del collo

La soluzione è il lifting cervicale mediante riposizionamento del platisma, ovvero il muscolo mimico a cui è adesa la pelle di tutto il collo agganciando alla regione legamentosa del padiglione auricolare.

Mento sfuggente

Causa la mancata definizione del collo per cui una protesi additiva oppure un lipofilling permette di aumentare la proiezione e migliorare la definizione dell’ angolo mandibola collo.

Visita specialistica

È fondamentale studiare il tipo di intervento in base al singolo paziente. L’approfondita conoscenza della fisiologia di quella complessa architettura di muscoli che conferiscono unicità alle espressioni del viso di un individuo, permette di personalizzare il risultato per ogni paziente.

Il collo è la base sulla quale poggia il volto dell’individuo e influisce pertanto a delineare i tratti somatici del paziente e il suo aspetto.

Il dott. Tommaso Savoia analizza la parte anatomica e contestualizza le tipologie di intervento più adatte al paziente. Non sempre la soluzione chirurgica sarà quella consigliata dal professionista, che potrà suggerire trattamenti mediante filler, botox, laser e altro.

Nel caso la scelta ricada sulla chirurgia plastica, sarà necessario effettuare alcuni elami preliminari.

Preparazione all’ intervento

Gli esami richiesti prima di una sessione chirurgica sono:

– Esami ematici preoperatori: emocromo con formula leucocitaria, glicemia, creatininemia, azotemia, elettroliti plasmatici (cloro, calcio, potassio,sodio) proteine totali, funzionalità epatica (ast, alt), coagulazione (pT, PTT).

– Elettrocardioagramma.

Intervento chirurgico

Per rassodare efficacemente il collo ed eliminare cedimenti e lassità l’intervento più indicato è il Lifting del collo.

L’intervento dura dalle 2 alle 4 ore a seconda che il lifting coinvolga o meno il viso.

Può essere effettuato il anestesia locale con sedazione o in anestesia generale.

E’ consigliabile una notte di degenza ma, nei casi in cui l’entità dell’intervento sia modesta, può essere effettuato anche in day hospital. Nei casi in cui si eseguano più interventi insieme (palpebre + lifting temporale), può essere consigliabile l’anestesia generale e la sorveglianza di 1 notte in clinica.

L’intervento è sconsigliato ai forti fumatori. In ogni caso, è necessario che il paziente si astenga completamente dal fumo almeno 14 giorni prima dell’intervento.

Il collo viene reso più tonico non solo attraverso l’eliminazione degli eccessi cutanei, ma soprattutto grazie al sollevamento e al riposizionamento della porzione muscolare della zona. Le incisioni vengono praticate davanti all’orecchio (ortogonali sotto la “basetta”) e, in caso di lifting cervicofacciale, lungo l’attaccatura dell’orecchio (longitudinali). In alcuni casi è necessario incidere anche sotto il mento per avere migliore accesso alle fasce muscolari. Viene liberata la pelle rilassata nella porzione anteriore delle guance e nella parte inferiore, sul collo. Successivamente il tessuto profondo, detto SMAS (sistema muscolo aponeurotico superficiale), a cui si connettono tutti i muscoli che danno espressione al viso, viene sollevato e riposizionato seguendo due vettori che vanno verso l’alto e indietro.

Questa tecnica permette di dare un aspetto più naturale al viso, perché non lascia tensioni superficiali. Il viso assume così un aspetto più fresco, senza presentare gli inestetismi di un viso “tirato” dall’aspetto “congelato”, in quanto l’intervento mantiene inalterata la capacità mimica dei muscoli.

In caso di Liposcultura del collo, si procede in anestesia locale, praticando un piccolo foro per far passare una sottile cannula. Le cicatrici sono pressoché invisibili e i tempi di recupero molto rapidi. L’intervento viene effettuato praticando una piccola incisione davanti all’attaccatura dell’orecchio attraverso la quale si interviene riposizionando e rimettendo in tensione i tessuti.

Altro intervento possibile è la Lipostruttura. Una tecnica che permette di estrarre il grasso mediante delle mini cannule da liposuzione in punti in cui il corpo ne è dotato in eccesso (addome o arti inferiori) e, dopo averlo purificato, di reintrodurlo nei punti del viso che necessitano di riempimento. Il grasso trapiantato è assolutamente biocompatibile perché proviene dal paziente stesso: esso viene integrato nel tessuto ricevente e funge in parte da struttura volumetrica definitiva, in parte da portatore di fattori di crescita e di nuove cellule staminali che vanno a ringiovanire il tessuto ricevente.

Post operatorio

Rimozione punti dopo 7 gg, guarigione in 15 gg.

Nel post operatorio sarà consigliabile semplicemente lavarsi delicatamente con un sapone neutro. Si potrà fare uno shampoo quotidiano avendo cura di asciugare e disinfettare bene le ferite subito dopo. Sarà bene utilizzare una crema idratante sulla pelle, senza applicarla sulle ferite coi punti. I fili di sutura potranno essere rimossi dall’ottavo giorno e si potrà riprendere a truccarsi. A partire dal quindicesimo giorno sarà possibile iniziare massaggi linfodrenanti.

Le cicatrici saranno davanti all’orecchio, sotto la basetta e lungo l’attaccatura dell’orecchio.

Esistono alcuni rischi quali sanguinamento durante il ricovero (5% casi): il sangue si raccoglie sotto la pelle e viene eliminato con piccoli drenaggi. Altri rischi riguardano infezioni, arrossamenti o ritardi nella cicatrizzazione. Tutte complicanze risolvibili dalle cure del medico. La paralisi facciale è molto rara ma comunque regredisce spontaneamente nel giro di 3-6 settimane.

Costi

I costi sono estremamente oscillanti a seconda dell’intervento realizzato, ma vanno orientativamente in un range dai 150€ per Fili e pdo fino 7000€ per lifting.

NEWS SULL’ARGOMENTO

Lifting, lo specchio dell’anima

L’eterna giovinezza non esiste…ma perché non dare un aiuto a Madre Natura?
Il lifting del […]

INFO UTILI

Durata

0min.
da
0min.
a

Complessità

  • Variabile

Anestesia

  • Locale con sedazione

Medicazione

  • 7 giorni – Rimozione punti

Guarigione

0giorni
rientro sociale

LIFTING VISO PRIMA E DOPO